Verifiche acustiche per la richiesta di agibilità

In Friuli Venezia Giulia, con il Decreto del Direttore Centrale Infrastrutture e Territorio del 15 dicembre 2016, n. 6611 viene adottata la nuova modulistica unificata regionale in materia edilizia, valida sia per i procedimenti relativi a fabbricati produttivi o misti residenziali-produttivi di competenza dello SUAP, che per fabbricati ad uso esclusivamente residenziale di competenza del SUE o dell'ufficio tecnico.

I nuovi moduli saranno obbligatori dal 01 gennaio 2017 e sono scaricabili dal seguente sito:

http://suap.regione.fvg.it/portale/cms/it/informazioni/notizie/Modulistica-edilizia-regionale-00001/

Tra le differenze rilevate, l’aspetto che riguarda la parte relativa all’acustica risulta essere la richiesta di agibilità, ovvero asseverazione del progetto acustico presentato. Lo stesso può essere firmato dal Direttore dei Lavori, assumendosi la responsabilità senza aver effettuato le prove acustiche, oppure dal Tecnico Competente in Acustica Ambientale, dopo le opportune verifiche strumentali in situ.

SCHEDA 8 – RICHIESTA AGIBILITA’

Data ultima versione del modello: 14/12/2016

Tra gli allegati previsti dall’art. 4 della L. 19/2009, troviamo:

Inquinamento acustico: asseverazioni e attestazioni relative alla tutela dall’inquinamento acustico ai sensi dell’art. 8 della legge n. 447/1995 e legge regionale 16/2007 di conformità al progetto presentato.

In ambito direzionale e/o per attività produttive, dove è stata depositata una valutazione previsionale di impatto acustico (all 4 –asseverazioni – punto 7 – rientra nell’ambito di applicazione dell’articolo 8 della L. 447/95…), dovranno essere effettuate le verifiche strumentali a fine lavori, ovvero le verifiche di impatto acustico.

In ambito residenziale dove è stato depositato un progetto redatto ai sensi del DPCM 05/12/1997 (all 4 –asseverazioni – punto 7 – rientra nell’ambito di applicazione dell’articolo 8 della L. 447/95…e della disciplina di cui alla L.R. 16/2007 art. 29), dovranno essere effettuate le verifiche strumentali a fine lavori, ovvero il collaudo acustico delle strutture di separazioni tra distinte unità immobiliari, delle facciate e degli impianti.

In alternativa il Direttore dei Lavori potrà redigere un’asseverazione in merito al rispetto dei limiti della normativa vigente sia in ambito ambientale e sia in ambito residenziale, assumendosi la piena responsabilità del rispetto dei limiti vigenti senza aver effettuato le verifiche strumentali.